KEITH HARING E L’AMORE UNIVERSALE

L’arte racconta l’Amore e lo fa con migliaia di sfumature di colore. Dall’Antichità all’Età moderna, la concezione dell’Amore è evoluta e così anche la sua rappresentazione. Timido o passionale, mitologico o surreale, esso è da sempre fonte di ispirazione per gli artisti di tutti i tempi.

Cominciamo questo nostro viaggio alla scoperta dell’Amore nell’arte partendo da Keith Haring , il maestro indiscusso della Graffiti Art noto in tutto il mondo per il suo stile personale e riconoscibile
Le sue opere sono lo specchio della sua personalità. Egli, infatti, è cresciuto con i fumetti, affascinato dall’arte di Picasso, dai pittogrammi giapponesi e dall’arte di strada. I soggetti delle sue opere sono vari: figure antropomorfe, personaggi dei cartoni animati e dei fumetti, fino ai famosi “radiant-boys”, letteralmente “bambini raggianti”, delle figure umanoidi che danzano, si abbracciano, si baciano e fanno l’amore.
Haring era fermamente convinto che l’arte dovesse essere accessibile a tutti e “per tutti”, così come era convinto che l’arte stessa fosse “vita”. Un’idea ereditata da Andy Wharol, suo grande mentore.
L’amore si esplica in ogni sua forma, soprattutto nella sua pittura. Amante fino all’eccesso. Amico fedele, nutriva profondo affetto per i bambini perché:
I bambini sanno qualcosa che la maggior parte della gente ha dimenticato ,,
Haring e l’amore universale, quello che dona la vitalità, che riesce a riunire il mondo e la vita. Quell’amore che egli esprime attraverso la pittura.
Un muro è fatto per essere disegnato, un sabato sera per far baldoria e la vita è fatta per essere celebrata. ,,
La vita Haring la celebra scegliendo la strada per urlare la sua gioia. Il suo scopo donare personalità all’anonimo oggetto, renderlo partecipe dell’esperienza sua e di ogni uomo.
Morì nel 1990 a soli 31 anni riuscendo comunque a imporsi al mercato dell’arte. Oggi Keith Haring è un’artista noto a livello mondiale: i suoi radiant-boys troneggiano sugli accessori più disparati, dalle tazze per la colazione alle t-shirt e quaderni e la sua arte è fruibile davvero a tutti, proprio come lui desiderava.

Precedente ANIMULAE VAGULAE BLANDULAE. 27 GENNAIO: PER NON DIMENTICARE Successivo LA PRIMAVERA CELEBRATA DALL'ARTE